ViviCinema: ” Gran Torino”, il drammatico affresco di Clint sul razzismo e il tempo che passa

L'anziano comincia  lentamente a cambiare atteggiamento verso la comunità asiatica, facendo da tutore a  Thao, fino a salvaguardare l'incolumità dei suoi nuovi, inaspettati amici.

Il vecchio Clint si conferma, dopo averci regalato pellicole del calibro di "Mystic River" e "Million Dollar Baby", tanto per citarne alcune, uno dei più grandi registi (e interpreti) viventi."Gran Torino", segna il proseguimento della sua cine-meditazione sociologica/filosofica/metafisica sulla civiltà odierna. Una meditazione che oggi, con questa sua nuova uscita, si è fatta sociologica in primis, dato che il film comincia a strutturarsi trattando della diffidenza e del pregiudizio verso ciò che (apparentemente) non fa parte di noi, incarnato qua nel vicino dagli occhi a mandorla. Ma dire che il regista si è fermato a questo punto, sarebbe riduttivo e non possiamo ignorare i continui riferimenti alla solitudine senile e allo scetticismo religioso, per non parlare  della psicologia da reduce di guerra, che offrono interessanti spunti dell' Eastwood-pensiero. Temi "pesanti", temi che il protagonista affronta inizialmente con un  atteggiamento chiuso,ombroso, ma che, come in un romanzo di formazione in versione terza età,  progressivamente ha modo di comprendere meglio, per così giungere a una posizione agli antipodi da quella di partenza. Senza tediaer troppo lo spettatore, grazie a parentesi ironiche sparse qua e là (Eastwood pare faccia il verso a numerosi personaggi che ha interpretato quando fa il gesto della pistola con la mano), ma non riuscendo a evitare di scivolare in qualche grossolana forzatura, vedi i figli di Kowalsky: così cinici e  opportunisti, ai limiti delle caricature familiari de "I Simpson". Da buon cowboy, Eastwood sa bene come aggiungere pepe alla sceneggiatura e lo si avverte bene nell'ultima, cavalcante, mezz'ora, e il disattendere una conclusione a  "Gli Spietati", nella forma ma non nella morale, gli rende onore. Forse è un film più "facile" di altri che ha fatto, ma il messaggio di speranza che ci lascia quando scorrono i titoli di coda è fortissimo, come poche altre volte nella sua filmografia .

VOTO: 7

 

Regia: Clint Eastwood

Sceneggiatura: Nick Schenk

Attori: Clint Eastwood, Cory Hardrict, John Carroll Lynch, Geraldine Hughes, Brian Haley, Brian Howe, Nana Gbewonyo Ruoli ed Interpreti

Fotografia: Tom Stern

Montaggio: Joel Cox

Produzione: Double Nickel Entertainment, Gerber Pictures, Malpaso Productions, Village Roadshow Pictures, Warner Bros

Distribuzione: Warner Bros. Italia

Paese: USA 2008

Uscita Cinema: 13/03/2009

Genere: Azione, Drammatico

 

Suggeriti

Informazioni sull' Autore Giacomo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *