Viviversilia

A+ A A-

Pietrasanta premia il giovane ortopedico Andrea Bertuccelli

Va al  27enne ortopedico pietrasantino Andrea Bertuccelli la prima edizione del premio scientifico per la chirurgia ortopedica Scaglietti-Dini. Sala del Consiglio comunale di Pietrasanta gremita sabato 7 dicembre per la consegna al giovane specializzando in Ortopedia e Traumatologia nato e residente a Pietrasanta. Bertuccelli ha ricevuto il riconoscimento, intitolato ad Oscar Scaglietti e Piero Dini, dalle mani del Presidente della Commissione, Fernando Colao, dal Sindaco, Alberto Stefano Giovannetti e dall’Assessore alla Cultura e al Turismo, Sen. Massimo Mallegni. Il premio, sostenuto con il patrocinio del Comune di Pietrasanta ed il benevolo mecenatismo di Hta Medica Santa Chiara e Soundreef Ltd, è nato con l’obiettivo di fornire un argine alla fuga dei cervelli e delle migliori menti all’estero.

 

“Ricevere questo premio, da pietrasantino, è una doppia felicità ed un doppio onore. – ha detto un emozionato Bertuccelli – E’ un premio importante per ciò che rappresenta, per gli obiettivi che vuole raggiungere. La scienza mi ha sempre appassionato così come lo sport. Sono all’inizio della mia carriera. Ringrazio il Prof. Colao, il mio medico, Ermanno Sorbo che mi ha spronato a partecipare, la mia famiglia, la ma ragazza e l’amministrazione comunale per aver istituito questo riconoscimento”. Al suo fianco, oltre al prof. Colao, i membri della commissione internazionale Prof.ssa Dr. Irnard Huber (German and Harvard Medical School), Dott. Loris Pinzani (Psicologo clinico – psicoterapeuta), Prof. Giorgio Maria Calori (Past President Estrot – European of the tissue regeneration in ortopedics and traumatology), Prof. Giovanni Di Giacomo (primario chirurgia ortopedica, Concordia Hospital Roma).

 

“I bravi medici devono restare in Italia, a lavorare e crescere qui. E noi dobbiamo metterli in condizioni di non farli fuggire: questo è il primo obiettivo del premio che è stato assegnato, per una pura casualità, ad un pietrasantino. – ha detto Colao – Bertuccelli rappresenta l’identikit della figura che stavamo cercando. Il secondo è quello di ristabilire un piena fiducia tra paziente e medico. Il paziente deve tornare ad ascoltare il medico e ad averne fiducia. Sono molto grato a Pietrasanta e all’amministrazione per aver ospitato e sostenuto questo premio”. Per il Sindaco, Giovannetti si tratta di un “Premio importante per la scienza, per la medicina ed il mondo scientifico in generale. L’apprezzamento e l’ammirazione che abbiamo raccolto in questi giorni dai tanti illustri medici che hanno partecipato alle iniziative per nostra città ci rende ancora più consapevoli del tesoro che stiamo amministrando”. Per il Sen. Massimo Mallegni che proprio insieme al Prof. Colao ha presentato un disegno di legge per rimuovere il numero chiuso dai test di medicina il “Premio è un antidoto alla fuga di cervelli. Noi dobbiamo tornare a premiare i nostri giovani e valorizzarli. Sono felice che un nostro concittadino, giovanissimo, sia stato insignito di questo riconoscimento che da oggi appartiene alla città di Pietrasanta”. Presentato, in occasione del premio, anche l’iniziativa filantropia in collaborazione con la Soundreef, gestore indipendente di diritti d’autore che offrirà gratuitamente musica negli ospedali, case di riposo, centri oncologici e luoghi della sofferenza".

Leucemia: ogni anno 32 mila italiani si ammalano di un tumore del sangue. La malattia e le terapie: Ematologia Day a Pietrasanta

di Daniele Taccola e Federico Simonetti

Ogni anno sono circa 32 mila gli italiani che si ammalano di un tumore del sangue, e in due terzi dei casi colpisce persone con più di 65 anni. Tra le emopatie neoplastiche si differenziano: il Mieloma Multiplo, la Leucemia Linfoblastica Acuta, le Sindromi Mielodisplastiche, la Leucemia Mieloide Acuta, la Leucemia Mieloide Cronica, le Neoplasie Mieloproliferative Ph-, la Leucemia Linfatica Cronica, i Linfomi non-Hodgkin e i Linfomi di Hodgkin.

 

Leucemia è un termine con il quale si indica un insieme di malattie maligne del sangue che originano dalla proliferazione tumorale di una cellula ematopoietica, per intendersi  produttrice di elementi del sangue. Le cellule ematopoietiche sono infatti ospitate nel midollo osseo (a sua volta contenuto all’interno di alcuni tipi di ossa) e sono destinate a creare globuli rossi, globuli bianchi e piastrine. Negli individui affetti da leucemia, il midollo osseo perde la capacità di generare cellule normali acquisendo quella patologica di produrre cellule tumorali, con tempi di replicazione e funzione completamente sovvertite e

disregolate.

 

Le cellule tumorali, sfuggendo ai fisiologici meccanismi di controllo, tendono ad accumularsi nel midollo stesso e, invadendolo, ne alterano progressivamente la funzione e la struttura. Spesso, alla diagnosi, questo accumulo di cellule tumorali nel midollo si estende anche al sangue determinando un abnorme aumento del numero dei globuli bianchi leucemici. Sulla base della rapidità del decorso, si riconoscono leucemie acute (a rapida evoluzione) o croniche (a lenta evoluzione). Sulla base del tipo di cellula ematopoietica coinvolta, si riconoscono leucemie linfoidi o mieloidi. Le stime per l’Italia indicano un totale di circa 8000 nuovi casi per anno. La leucemia linfoide acuta è inoltre una patologia a prevalente distribuzione pediatrica; essa rappresenta infatti circa l’80% delle leucemie del bambino. Al contrario, la leucemia linfoide cronica, la leucemia mieloide acuta e la leucemia mieloide cronica sono tipiche dell’età adulta con la massima incidenza al di sopra dei 60 anni.

 

Le cause che provocano le leucemie sono tutt’altro che note. Sappiamo che molte di

queste forme si associano alla comparsa nelle cellule leucemiche di alterazioni cromosomiche e/o genetiche. Queste anomalie cromosomiche e/o genetiche non sono generalmente ereditate dai genitori né vengono trasmesse alla prole.

 

Il COMITATO VERSILIA PER L’EMATOLOGIA, in collaborazione con la UOC

Ematologia della Azienda Usl Toscana NordOvest, sezione Versilia, organizza il 3°

EMATOLOGIA DAY, il giorno 30 novembre 2019, alle ore 16., presso l’ Auditorium delle scuole Pascoli, a Pietrasanta. Nelle due precedenti edizioni sonostati affrontati argomenti molto sentiti e molto partecipati: le anemie e i linfomi.

Quest’anno Il Congresso si articola sul tema delle “Leucemie Acute e Croniche”

prendendo in considerazione, oltre alle caratteristiche delle patologie, i trattamenti

attuali e i trattamenti target personalizzati per paziente.

 

Dopo l’introduzione ai lavori del dr Stefanelli, Direttore della UOC Ematologia

Ospedale Versilia, Il Dr  Capochiani Direttore FF della UOC Ematologia ATNO,

parlerà dello stato dell’arte delle terapie nel campo delle leucemie acute, il Dr

Simonetti ematologo ATNO Ospedale Versilia del trattamento con farmaci target

molecolari della leucemia mieloide cronica e delle malattie mieloproliferative

croniche, e il Prof Petrini Direttore della UO Ematologia Universitaria Pisana, del

trapianto di midollo osseo. Interverrà anche un rappresentante di ADMO Lucca per

spiegare alla popolazione come iscriversi al registro internazionale dei donatori di

midollo osseo.

Inoltre verrà presentato un lavoro psico-educazionale portato a termine dalla Dr.ssa

Dazzi (psicologa) con il Dr. Simonetti in un gruppo di pazienti affetti da leucemia

mieloide cronica seguiti presso UOC Ematologia Versilia; seguiranno le attese e

sempre coinvolgenti testimonianze dei pazienti

 

 

Al termine dei lavori, il personale infermieristico del reparto eseguirà, a chi lo vorrà,

il test di dosaggio dell’emoglobina con emoglobinometro e con commento dei medici

presenti.

 

Si tratta di una giornata di Studio cui hanno dato il Patrocinio tutti i comuni della

Versilia. I temi verranno affrontati in modo da  essere facilmente comprensibili

anche e soprattutto ai non addetti ai lavori, come nello spirito di queste iniziative

dedicate all’informazione della cittadinanza.

Quest’anno è stata anche posta particolare attenzione ai ragazzi e alle scuole. Sono

state coinvolte alcune classi delle scuole medie di Pietrasanta che, dopo avere

partecipato a un incontro con l’ematologo, hanno lavorato in modo multidisciplinare

sui temi della salute e della solidarietà eleborando materiale divulgativo.

 

Due classi del Liceo Artistico Stagio Stagi hanno fatto invece un percorso di

approfondimento insieme all’ematologo e alla psicologa che opera nel reparto

Ematologia. Parteciperanno ad un concorso per creare il nuovo Logo e il nuovo

progetto grafico del Comitato Ematologia Versilia.

 

E sempre quest’anno al Convegno si affianca un altro interessante evento. Grazie alla

collaborazione con il gruppo fotografico ‘Tramontitaliani’, è stato realizzato un

calendario, che verrà messo in vendita anche in occasione del Congresso e i cui

proventi  saranno totalmente devoluti al Comitato Ematologia. Con le offerte

raccolte sarà realizzato un progetto  per migliorare l’informazione e la fornitura di

sussidi per i pazienti afferenti al reparto di Ematologia.

 

Dr Daniele Taccola, Dr Federico Simonetti, AIL

Vitamina D: un giovane su due ne e' carente

Il dato è degno di nota. E di riflessione. Più di un italiano su due, come riportato dall'agenzia Ansa,  con meno di 16 anni ha carenza di vitamina D. I più esposti ai rischi per la salute derivati da questa insufficienza sono gli adolescenti.
    " Sotto accusa è soprattutto la scarsa esposizione al sole, da cui dipende oltre il 90% dell'assorbimento della vitamina. E' quanto emerge dal XIII Congresso nazionale scientifico della Federazione italiana medici pediatri (Fimp), in corso a Paestum (Salerno). Secondo i medici, lo stile di vita troppo "indoor", che inizia solitamente in questo periodo dell'anno, influenza in modo significativo lo stato vitaminico. Il 36% dei teenager passa almeno due ore al giorno a giocare a videogames o al PC e il 48% invece guarda troppa televisione" si legge nella nota.

 

Le soluzioni? Stare più tempo all'aria aperta, approfittando di una giusta esposizione al sole e fare sport e attività fisica..

 

Negli occhi la salute del cuore

di LAURA BALDASSINI

Negli occhi si possono ' scoprire' le prime avvisaglie di una patologia cardiaca. " I piccoli vasi sanguigni nella parte posteriore dell'occhio sono infatti influenzati dalla rigidità delle arterie e dall'aumento della pressione del sangue." Queste le conclusioni di un importante studio pubblicato sulla rivista Hypertension dell'American Heart Association e riportato dall'agenzia Ansa. "  Quasi 55.000 persone anziane o di mezza età, partecipanti allo studio britannico Biobank, hanno costituito il set di dati per la nuova ricerca. In totale, il team ha avuto accesso a 3,5 milioni di sezioni di vasi sanguigni e un programma automatizzato ne ha esaminato le immagini digitali, fornendo misurazioni relative ai vasi sanguigni di ogni partecipante.
    L'analisi ha scoperto che una maggiore curvatura delle arterie retiniche - si legge nella nota - era associata a maggiore rigidità delle arterie e maggior pressione sistolica (valore nel momento in cui il cuore è in fase di contrazione). Questo effetto sulla retina non ha un impatto sulla vista, ma "potrebbe potenzialmente dirci molto rapidamente se la persoa ha più rischio di aver diagnosticate malattie cardiovascolari", spiega la ricercatrice principale, Alicia Rudnicka, della St. George's University di Londra. "Se ciò che sta accadendo nel resto del corpo si riflette in ciò che sta accadendo nella parte posteriore dell'occhio - conclude - allora la valutazione della morfologia della retina dovrebbe essere incorporata nella pratica clinica tra i fattori di rischio cardiovascolari", alla stregua di età, livelli di colesterolo e pressione.

Analisi della variabilita' della frequenza cardiaca: incontro alla Croce Bianca di Querceta

Un incontro aperto a tutti, inclusi i non addetti ai lavori, incentrato sull’analisi della Variabilità della Frequenza Cardiaca (HRV)  quello in agenda sabato 5 ottobre, a partire dalle ore 9, presso la sala conferenze della Croce Bianca a Querceta. Incontro  a cura di Antonio Viti (Fisioterapista e osteopata, esperto in vari campi della riabilitazione: ortopedica, neurologica e cardio-respiratoria), Susanna Garfagnini (Ostetrica e operatrice di biorisonanza) e Mosè Mondonico (Scienze motorie, Biomeccanico ed esperto in analisi della HRV) pensato e promosso con la finalità di migliorare il benessere psicofisico e le prestazioni sportive.

Per informazioni rivolgersi al Centro Fisioterapico Apuano tel. 0584 762062

L'incontro  è a partecipazione gratuita.

Frecce

Video Frecce Tricolori

 

Frecce Tricolori a Forte dei Marmi Guarda Ora

La Versilia e'...

La Versilia e'...


Informazioni sulla Versilia Guarda Ora

LaBottega

 

Cantine Basile

Ristorante il Piccolo Principe

BCC Versilia

Login or Register

Facebook user?

LOG IN

Register

User Registration
or Annulla