Viviversilia

A+ A A-

" MemoFest" al via a Seravezza

Il via venerdì mattina con la mitica Smemoranda e con le scuole che hanno partecipato al concorso sulla memoria. Poi, in pirotecnico crescendo, gli ospiti, gli spettacoli, i libri, la musica e il ballo, il cinema, la fotografia, la pittura, il teatro… per una tre giorni fra impegno intellettuale ed evasione a Palazzo Mediceo patrimonio Unesco e nel centro storico di Seravezza (Lu). Per l’edizione 2019 di MEMOFEST l’attesa è finita. Da venerdì 31 maggio a domenica 2 giugno la memoria in tutte le sue declinazioni: storie di ieri che si riflettono nel nostro presente; esperienze personali e familiari che ci stimolano e coinvolgono come collettività; le dinamiche del mondo e la loro influenza sulla nostra vita di tutti i giorni.

Ricco il parterre degli ospiti e il calendario degli eventi. Dopo l’inaugurazione di venerdì mattina con Smemoranda (ore 11), MEMOFEST presenta nel pomeriggio i suoi primi protagonisti: il giornalista antimafia Paolo Borrometi con il libro “Un morto ogni tanto” (ore 18) e l’ironico poeta Guido Catalano che dopo il bagno di folla dello scorso anno torna per presentare il romanzo “Tu che non sei romantica” (ore 19). Alle 20, sempre a Palazzo Mediceo, aperitivo con degustazione a cura della condotta Slow Food Terre Medicee e Apuane e gran finale di serata in piazza Carducci con il concerto dei “Compari beat” e le atmosfere degli Anni Sessanta.

Sabato 1 giugno si inizia alle 17 con Francesca Simion, docente dell’Università di Padova che spiegherà il magico e affascinante mondo dei neonati e come, fin dalle prime settimane di vita, inizia a formarsi la nostra memoria. A seguire Sabrina Paravicini e il figlio tredicenne Nino Monteleone per testimoniare la loro esperienza con la sindrome di Asperger. Alle 19:30 uno degli eventi imperdibili della rassegna: l’esibizione del Coro Altreterre, formazione vocale composta da ben 54 elementi che accompagnerà il pubblico in un viaggio attraverso musiche e suoni dal mondo. La seconda giornata del festival si chiuderà alle 21:15 alle Scuderie Granducali con la rassegna di cortometraggi d’autore Memoria Corta.

Domenica 2 giugno un pomeriggio di grandi ospiti e di grandi temi d’attualità: alle 17 Max Strata per parlare di ambiente e del futuro del pianeta; alle 18 Beppino Englaro (“Le memoria di Eluana oggi”) sugli scenari del fine vita e del biotestamento in Italia; alle 19 l’ex sindaco di Riace Mimmo Lucano sulle migrazioni contemporanee e l’accoglienza. Gran finale alle Scuderie Granducali con “A.R.E.M. (Agenzia Recupero Eventi Mancati)”, spettacolo di improvvisazione teatrale che darà vita ai ricordi del pubblico (inizio ore 21:15).

Parallelamente alle conferenze, nei tre giorni di MEMOFEST si svolgeranno diversi eventi collaterali, tutti sul tema della memoria collettiva: installazioni artistiche (a cura de La Seravezziana), raccolta di foto antiche delle famiglie versiliesi (a cura de LABottega), interviste radiofoniche in diretta e molto altro.

Tutti gli eventi saranno ad ingresso libero e gratuito con l’unica eccezione dello spettacolo teatrale di domenica 2 giugno .

MEMOFEST, alla sua quinta edizione, è organizzato dall’Associazione Culturale Il Giardino delle Parole in collaborazione con il Comune di Seravezza e la Fondazione Terre Medicee e con il supporto della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e di Savema

Share

Frecce

Video Frecce Tricolori

 

Frecce Tricolori a Forte dei Marmi Guarda Ora

La Versilia e'...

La Versilia e'...


Informazioni sulla Versilia Guarda Ora

LaBottega

 

Cantine Basile

Ristorante il Piccolo Principe

BCC Versilia

Login or Register

Facebook user?

LOG IN

Register

User Registration
or Annulla