Viviversilia

A+ A A-

5 libri da leggere ai tempi della quarantena

Vota questo articolo
(1 Vota)

di RICCARDO BELARDINELLI

 

Consigli,  non richiesti,  per dilettarsi nella letture nei giorni della quarantena.

 

Il processo di Franz Kafka

 

Non ci sono spiegazioni: sei colpevole, meriti di essere processato. K. il protagonista di questo memorabile racconto di Franz Kafka, è arrestato e portato in tribunale in attesa di essere giudicato da una giuria competente, solo che lui, apparentemente, non ha fatto nulla. Non ci sono reati nella sua vita, ma con le spalle al muro, k  non riesce a non essere sulla difensiva e a proteggere la sua vita, a difendere il suo orgoglio e la sua volontà. Anche se è innocente  dunque, K. si difende come se lo fosse realmente. Un romanzo bellissimo sull'uomo e la sua resilienza, sulla condizione umana e sul modo in cui ci sentiamo giudicati per il solo fatto di essere.

 

Sette brevi lezioni di fisica di Carlo Rovelli

 

Sono periodi non facili sempre in casa, soprattutto quando il lavoro costringe a rimanere concentrati su una sola cosa durante gran parte della giornata. Per questo, anche aprendo un libro, perché non abbracciare un tema che abitualmente non ci sogneremmo neanche di sfogliarne una rivista? Il fisico italiano Carlo Rovelli, in questo breve viaggio letterario,  ci porta dentro il mondo della fisica tramite alcuneregole - sette - che compongono questo strano universo e lo fa con un linguaggio non tecnico,  ma narrativo, spiega con una precisione prosaica cose che appunto, nell'ordinario, anche nelle nostre fasi di lettura, non concederemmo tempo. Questo invece è un periodo ottimo per la lettura, ma non solo: per leggere argomenti che ci fanno uscire dall'ordinario.

 

Open di Andre Agassi

 

Un libro che parla di sport, ma solo marginalmente. Nonostante questa autobiografia sia di uno dei più importanti tennisti della storia nonché uno dei migliori sportivi di sempre, Open parla soprattutto di una sfida: quella con se stessi. Andre non voleva fare il tennista, eppure è diventato il numero uno al mondo. Quindi come ci si comporta quando dobbiamo necessariamente compiere un gesto,  ma allo stesso tempo non possiamo fare a meno di odiarlo? Come si vive in cattivo rapporto con quello che ci sta intorno? E soprattutto: come posso mantenere un livello di concentrazione così alto su una cosa che con la mia personalità, con il mio lato umano, non  ha niente a che fare ? Bene, questo è Open.

 

Underworld di Don Delillo

 

Sono più di ottocento pagine di romanzo, è vero, ma ciascuna di esse ha un carico di energia narrativa unica. Sarà per questo che Underworld è uno dei capolavori della letteratura contemporanea e il testo cardine di Don De Lillo, autore fra i migliori di sempre a raccontare la società statunitense attraverso la storia delle sue persone. Nella fiction di De Lillo, una pallina da baseball lanciata dal Polo Ground di New York arriva a un ragazzino, e proprio questo è un innesco: quello della storia di questa pallina che gira, viaggia l'America e soprattutto la sua storia, che dagli anni post guerra del 1950 ripercorre le tensioni della Guerra Fredda, e soprattutto, i grandi passi degli Stati Uniti dagli anni '50 fino ai Novanta, allo scadere dell'Unione Sovietica. Un romanzo lungo e a tratti un po' insidioso, ma bellissimo e con una capacità di narrazione che, in realtà, alleggerisce le più di ottocento pagine di scrittura. Ma tanto, in questi giorni, tutti abbiamo più tempo.

 

Roberto Baggio - avevo solo un pensiero di Stefano Piri

 

Ci sono decine e decine di autobiografie - belle - di calciatori che hanno fatto la storia, un'antologia lunga tra cui però si distingue questa su Roberto Baggio, scritta dal giornalista Stefano Piri. L'autore ripercorre i passi del Baggio calciatore esaltando con un'ottima scrittura le riflessioni e metaforicamente i gol, paragonati a momenti cinematografici o a passi di danza. C'è tutto il Baggio intimo e soprattutto il Baggio visto da un occhio accorto, originale, alternativo, che però, riesce a restituire al lettore tutta la grandezza del Divin Codino. Il calciatore è esaltato per il suo genio e approfondito per il suo lato umano, e questo, alla fine, rende Baggio un mito ma comunque umano, costretto a convivere con i problemi di cui soffrono le celebrità e le ansie delle responsabilità di giocare a un certo livello. Un libro che si legge piacevolmente e che porta il lettore in un universo calcistico retrò, a cavallo fra gli anni Novanta e il Duemila. E , non è un dettaglio, regala un po' di calcio in queste settimane senza sport. 

 
 
 
 

 

Ultima modifica il Mercoledì, 18 Marzo 2020 17:52
Devi effettuare il login per inviare commenti

Frecce

Video Frecce Tricolori

 

Frecce Tricolori a Forte dei Marmi Guarda Ora

La Versilia e'...

La Versilia e'...


Informazioni sulla Versilia Guarda Ora

LaBottega

 

Cantine Basile

Ristorante il Piccolo Principe

BCC Versilia

Login or Register

Facebook user?

LOG IN

Register

User Registration
or Annulla