Logo
Stampa questa pagina

Olio di canapa: fra moda, pregi e qualche difetto

Quanto va di moda l'olio alla cannabis. O meglio ancora l'olio di canapa che si ottiene dalla spremitura a freddo della Cannabis sativa che contiene un principio attivo decisamente trascurabile.  L'olio di canapa, leggiamo in una pubblicazione della rivista Nuovo Consumo, " ha un colore vedere più o meno intenso dovuto al contenuto di colorofilla e  un sapore che ricorda quello delle nocciole". Ha un rapporto ottimale fra i grassi omega 6 e omega 3. Da qui una proprietà, quella antinfiammatoria che lo fa preferire ad altri tipi di olii. così come è ideale per chi segue un'alimentazione vegana. La ricchezza di grassi polinsaturi lo rende, però a rischio avariarsi se esposto all'aria, alla luce e al calore.  Postilla: una volta aperto va conservato in frigo e consumato entro 3-4 settimane,e non deve essere utilizzato per friggere.  Premesso il tutto, moda inclusa, l'olio extravergine di oliva resta priorità di riferimento nella dieta degli italiani. E non solo degli italiani, per le sue straordinarie qualità nutritive.

Ultima modifica il Sabato, 15 Dicembre 2018 09:15

Ultimi da luca

Joomla SEF URLs by Artio
External links are provided for reference purposes. The World News II is not responsible for the content of external Internet sites. Template Design © Joomla Templates | GavickPro. All rights reserved.